Un racconto,un mio sogno

Pensando all’Australia, oggi ai primi posti nell’esportare carbone e gas naturale.C’è da riflettere sull’uso di queste materie altamente inquinanti. Urge trovare alternative, speriamo che nuove scoperte ci tirino fuori dai guai che l’umano ha causato e continua a causare al pianeta, ripropongo un mio racconto del febbraio 2018. Un  sogno che ha lasciato un appunto sul mio cuore.

DI TUTTO UN PO' ....UN PO' DI TUTTO

20171029_173240-1Anni fa feci un sogno che mi turbò parecchio,mi turbò tanto che appena sveglia, presi la penna e fermai su un foglio bianco una traccia di ciò che ricordavo:
“Due guerrieri su uno sfondo apocalittico,solo colori di fumo,di fuoco e di terra.2015-06-28 13.53.19.jpg
Un cielo con sfumature granato,qualche sottile scia arancio persa, nell’immenso sfondo.
Due guerrieri stanchi,sfiniti,reduci da chissà quali ardue battaglie
stanchi ma fieri e vittoriosi,fianco a fianco inginocchiandosi poggiavano, allungando le braccia, sulla polverosa terra il frutto della vittoria, il frutto della loro fatica:
Lui sui palmi aperti delle mani aveva una sfera di zolla di terra, satura di semi che simboleggiava Gaia nella sua splendente luce azzurrina.
Lei sui palmi aperti una sfera di zolla di terra più piccola ma ricca di semi che simboleggiava terriccio e humus.
Si prostravano umilmente e fieri alla Terra e al Divino intorno……offrendo il frutto di dure battaglie.”
Questo era in sogno,questo…

View original post 49 altre parole

Le lanterne cinesi

20200106_153948.jpgChissá quanti nasi all’insù a seguire con lo sguardo,sorridendo innocentemente e romanticamente,quelle lucine che allontanadosi pian pianino vanno a perdersi nel buio del cielo. Mi chiedo chissá,negli anni,quante lanterne cinesi sono andate ad aggiungersi alla moltitudine di rifiuti umani e chissá quante di queste sono state causa di incendi. Oggi al Parco Nord,poco distante dal mio orto tra i filari dei Gelsi ho fotografato il punto di arresto di una lampada cinese:probabilmente accesa in onore del nuovo anno(che idiozia) e finita su un albero. Che tristezza davvero,vedere questa realtá in questi giorni che si parla anche di vittime umane a causa del grande incendio che coinvolge da mesi il territorio australiano,dopo le innumerevoli morti di varie specie di fauna e flora,ora abbiamo anche vittime umane. Che tristezza mi viene nel cuore quando penso a quest’epoca di cambiamenti climatici causati dall’egoismo umano. Ma io dico: ma vogliamo noi umani smetterla di essere tanti Pinocchi? Vogliamo crescere e prenderci ognuno le proprie responsabilitá? Vogliamo farci due domande sulle conseguenze di ogni azione quotidiana? Gli studiosi la chiamano l’era dell’Antropocene,ossia quel periodo di autodistruzione iniziato subito dopo la rivoluzione industriale per l’egoismo umano.

Foto di Rosa Solito

20200106_154009.jpg