Stavi là piantata in mezzo alla Grecia… Ast Lovelli

 

Stavi là piantata in mezzo alla Grecia

su l’ Olimpo , e gli Dèi –

sacrilegamente

– sbirciavano i tuoi seni, ingordigia –

– di battaglie che accendono i sensi, –

– imploranti, di quel scintillìo –

– che bruciava i tuoi occhi . –

 

– Sussurravi con voce melodiosa –

– i tuoi canti, e la danza formicolava –

delle gambe – le vene delicate,

pulsava, sulle labbra carminio

e nel bianco, dei piccoli denti.

Sono viva cantavi e ogni parola restava

scolpita nel cuore, tracciata nella mente,

Sono viva e appartengo al sole,

E appartengo al cielo, al mare,

ai rossi tramonti geranio,

all’alba, dai toni rosati .

 

E la danza sconquassava l’Olimpo,

gli Dèi – bestemmiando insolentemente –

vagando, ansimando, delirando,

chiedevano un bacio, un bacio di rosa

o un graffio di spini, dei bianchi dentini .

 

 

 

Testo by Jam Ast Lovelli

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...