Era una cosa strana

image.jpgE R A
U N A
C O S A
S T R A N A

Ti ho vista.
Da lontano.
Sapevo .
Immaginavo .
Sognavo ?.

…. Sognavo, ma ti ho vista .
Da lontano .
Era una storia che aveva a che fare
Con la vita .
Con l’amore .
Con la gioia .
Con un gesto nell’aria .

Era una cosa strana.
Era come un vecchio pianoforte
Con qualcuno che strimpellava quei tasti
Con la pipa accesa e un pennacchio di fumo.
Con le formiche su e giù dal sottosuolo .
Con le rondini nel cielo .

E ti ho vista la notte prima che nacqui .
In quel mar di placenta mia dolce sorella .
Nel chiaro di Luna come una fulva gatta.
Può succedere tutto in un attimo .
E al culmine di tutto questo devo tornare a letto.
A dormire.
A sognare.
Per vederti ?.

Foto e testo Jam Ast Lovelli .

Annunci

4 pensieri riguardo “Era una cosa strana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...