Silenzio

20170430_180748.jpg

———Quando inizia il silenzio—–

(foto Rosa Solito)

 

Annunci

A te

IMG_20170130_221504.jpgA te
A te che ascolti la voce del fiume
Te che sai che tutto intorno vive
A te che la carezza del vento commuove
Te che fai scivolare e
riscivolare lo sguardo
sull’arcobaleno
A te che rincorri il volo
delle rondini
Te che nell’ascolto trovi
la cura
A te che non sai quindi
non dai
Te che nell’inganno della mente
continui a cercarti
A te auguro tempo in semplicità (foto e testo Rosa Solito)

Stanza 39

chairs-2093368_640.jpgEcco ci sono stanza 39,avanzo verso la sala d’aspetto mentre un anziano signore mi osserva e mi accoglie dicendo”venga,se cerca la stanza dei belli è questa,benvenuta”mi guardo intorno c’è un’altra signora, è anziana e tanti posti vuoti,decido di fermarmi e sedere vicino al signore “anziano” e sorridergli,mentre mi guarda continua a parlare: “Si guardi intorno…….il mondo è vecchio”mi dice,mi do due secondi di riflessione e mi chiedo: tiro fuori il libro o ascolto il tipo?….”il mondo è vecchio” penso,continuo a sorridergli e ad ascoltare la sua teoria sul mondo vecchio….

Ogni giorno abbiamo la possibilità di scegliere in quale veste proseguire lungo la strada che in realtà è la medesima per tutti………………………
«Qual è la tua strada, amico?… la strada del santo, la strada del pazzo, la strada dell’arcobaleno, la strada dell’imbecille, qualsiasi strada. È una strada in tutte le direzioni per tutti gli uomini in tutti i modi».

Jack Kerouac, “Sulla strada”.17 - 1.jpg

Briciole

20170422_140431.jpgPercorri la strada della vita
e getti le tue parole
come briciole di pane
a manciate,
giochi l’ultima partita.
Manciate di gioie e di dolori
manciate di sorrisi e di pianti
per non perderci,
getti le tue briciole
senza timori
e mi aspetti
tra alberi e fiori.

(foto e testo Rosa Solito)

Ginkgo

20160530_160730.jpgIL GINKGO È PER ME UNA LEGGENDA ETERNA(foto Rosa Solito)

Il Ginkgo rappresenta la Forza.
E’ definito l’albero della Pace perchè un esemplare di Ginkgo ancora esistente è riuscito a sopravvivere alla bomba atomica di Hiroschima.
Passeggiando una mattina sotto la pioggia,nell’orto botanico di Brera ho avuto la fortuna di trovarmi inaspettatamente davanti ad un magnifico e imponente esemplare di Ginkgo Biloba.È bastato fermarmi un attimo ad osservare,ad “ascoltarlo”,che l’alone magico intorno accentuato dalla pioggia mi ha introdotto,come guidata verso uno spazio temporale diverso,in una sorta di storia,una leggenda e sono rimasta immobile,incantata a sentire ad ascoltare.
Una leggenda iniziata circa 200 milioni d’anni fa,non a caso lo si definisce “fossile vivente”.Una leggenda ancora in corso: “Io sono ora,sono stato e sarò se l’umano me lo permetterá”,pareva dire.Se si analizza il suo nome nel significato originario si scopre che Ginkgo significa albicocca d’argento per via dei frutti degli alberi femmina e Biloba si riferisce alle sue foglie bilobate.
La leggenda è ancora in corso:l’albicocca d’argento dalle foglie bilobate che rappresentano l’armonia dello yin e dello yang,la loro perpetua oscillazione tra le due polarità complementari e la loro profonda unità ci raccontano l’essenza della sua maestosità,la pietra filosofale si rivela sotto i miei,nostri occhi ( foto su).
Goethe ne scrisse una poesia:”La foglia di quest’albero, dall’oriente affidato al mio giardino, segreto senso fa assaporare così come al sapiente piace fare.”

green-2069212_640(foto presa dal Web)

“È una sola cosa viva, che in sé stessa si è divisa? O son due, che scelto hanno, si conoscan come una?”

In risposta a tal domanda, trovai forse il giusto senso. Non avverti nei miei canti ch’io son uno e doppio insieme?”

La sua Leggenda è ancora una pagina aperta,è per me…un mito? e mi piace pensare a questa come una leggenda eterna,senza fine e auguro  a tutti per un attimo di tornar bambini,auguro l’opportunità di fantasticare su un futuro Eden.
Rosa Solito